Salvare le foreste, sacrificare il caffè? Il Dilemma dell’EUDR

Home / Blog / Salvare le foreste, sacrificare il caffè? Il Dilemma dell’EUDR

di Matteo Borea

 

Rivoluzioni silenziose e onde d’urto globali che stanno cambiando il settore

 

Il Regolamento UE sulla Deforestazione (EUDR) ha inviato onde d’urto attraverso l’industria del commercio globale. Le nuove norme, volte a frenare la deforestazione, stanno avendo effetti di vasta portata su agricoltori, produttori e consumatori in tutto il mondo. Sicuramente, in questo scenario di cambiamento rivoluzionario, un approccio proattivo può fare la differenza. Ma in che modo queste normative stanno causando conseguenze indesiderate e cosa significa per il futuro del commercio globale?

 

deforestazione
Foto: Luoman from Getty Images

 

Analizziamo prima di tutto il contesto per comprendere l’Impatto di questo regolamento su agricoltori e produttori.

 

L’EUDR impone che tutte le aziende e i paesi che vendono prodotti all’UE devono dimostrare che tali prodotti non provengono da terreni deforestati dopo il 2020. Le normative riguardano materie prime come soia, bestiame, olio di palma, gomma, legno, cacao e naturalmente anche il caffè. Di conseguenza riguarda anche i prodotti che le contengono e non serve sottolineare che sono moltissimi. Ciò significa che le aziende, i produttori e gli agricoltori devono presentare una documentazione dettagliata che tracci ogni materia prima fino alla sua origine, includendo la mappatura dei confini dei terreni e le coordinate.

 

L’industria del caffè è particolarmente colpita dall’EUDR, dato che l’Unione Europea è il maggior importatore mondiale di caffè. I produttori, soprattutto nei paesi in via di sviluppo come Colombia, Brasile e Vietnam, devono ora affrontare una pressione significativa per dimostrare che le loro piantagioni non contribuiscono alla deforestazione. La domanda che sorge spontanea è: lo faranno? O meglio, sono in grado di farlo? Lo vedremo.

 

Per molti agricoltori, specialmente quelli in aree remote con un accesso limitato alla tecnologia, questo processo può essere scoraggiante e costoso. Alcuni potrebbero dover ricorrere a intermediari o a servizi di terze parti per ottenere la necessaria verifica dei dati, riducendo ulteriormente i loro già esigui margini di profitto. E la domanda ri-sorge spontanea: lo faranno? Sono in grado di farlo?

 

 

Mentre tutte le aziende devono affrontare queste nuove sfide, i piccoli agricoltori sono particolarmente colpiti. Molti di loro, specialmente nelle aree remote, trovano difficile conformarsi alle normative a causa di risorse limitate e accesso alla tecnologia. Molti agricoltori delle zone rurali potrebbero non avere la formazione o gli strumenti necessari per soddisfare i requisiti.

 

L’impatto dell’EUDR si fa sentire in modo particolare nei paesi con un’alta percentuale di piccoli agricoltori, come per esempio l’Honduras. Molti di questi produttori non sono nemmeno a conoscenza dell’esistenza di queste nuove regole, il che li rende ancora più vulnerabili alle conseguenze economiche.

 

Quando si troveranno di fronte alla necessità di rispettare tutte queste regole, molti piccoli agricoltori si troveranno in grave difficoltà. La mancanza di risorse, conoscenze tecniche e accesso alla tecnologia renderà estremamente difficile per loro fornire la documentazione richiesta. Anche se ci sono aziende che offrono servizi e app per smartphone per aiutare i produttori a conformarsi all’EUDR, gli stessi agricoltori delle aree rurali non possiedono nemmeno smartphone o non hanno accesso a connessioni internet affidabili.

 

Senza il sostegno e la guida adeguati, questi piccoli produttori rischiano di perdere l’accesso al mercato europeo, che per molti rappresenta una fetta significativa del loro reddito. Questo potrebbe avere un effetto devastante sulle comunità rurali, spingendo molti agricoltori più in profondità nella povertà o costringendoli ad abbandonare completamente l’agricoltura.

Sono molte le aziende che hanno visto un’opportunità nell’aiutare gli agricoltori a conformarsi alle normative fornendo servizi di mappatura e verifica dei dati. Tuttavia, non tutti gli agricoltori hanno accesso o possono permettersi tali servizi.

 

Photo: Hiraman from Getty Images

 

La filiera non è ovviamente esente da ripercussioni e non basta protestare e chiedere rinvii.

 

Le difficoltà affrontate dai piccoli agricoltori si riflettono nelle preoccupazioni sollevate a livello globale riguardo all’EUDR. Più di 55 paesi saranno interessati dall’EUDR, con un commercio stimato di 110 miliardi di dollari a rischio. I paesi con un alto numero di piccoli agricoltori, come l’Honduras, stanno facendo pressioni sull’UE per avere più tempo o guida per conformarsi alle normative. E lo stesso fanno le aziende dei paesi consumatori dell’Europa. La logica conseguenza è che i paesi produttori stanno esplorando mercati alternativi al di fuori dell’UE. Ovvio, no? Chi non lo farebbe.

 

L’Europa è un marketplace molto interessante quindi non intendo insinuare che il caffè sparirà ma non bisogna di certo essere dei super esperti di macro economia per aspettarsi la più logica delle conseguenze: prezzi sempre più alti.

 

A supporto di questa tesi, leggete questo articolo (in inglese) sui trend di consumo di caffè in Cina. A mio parere questo passaggio è abbastanza significativo: “Mentre il consumo di caffè negli Stati Uniti e in Europa cresce di circa il 4% all’anno, il Rapporto sullo Sviluppo Urbano della Cina 2023 pubblicato da CBN Data e Metuin mostra che il consumo totale della Cina è cresciuto del 57% tra il 2019 e il 2023.

 

La domanda cresce ovunque e se i Cinesi iniziano a consumare caffè allo stesso ritmo degli Europei credo che i produttori non facciano fatica a trovare nuovi clienti.

 

Mentre gli ambientalisti sottolineano l’urgenza di frenare la deforestazione, i regolatori europei stanno cercando di bilanciare queste preoccupazioni con l’impatto economico su agricoltori e piccole imprese. L’UE ha messo da parte un fondo di 76 milioni di dollari per sostenere i piccoli produttori nel conformarsi alle normative, ma alla fine, la legge è legge.

 

Che lezione possiamo portarci a casa da questa analisi? E cosa dobbiamo attenerci dal futuro?

Mentre l’EUDR continua a suscitare dibattiti e preoccupazioni, emergono importanti lezioni e considerazioni per il futuro. Sebbene l’implementazione di politiche verdi presenti sfide e compromessi, è importante trovare modi per migliorare e andare avanti. Le normative stanno spingendo paesi e aziende a ripensare le loro catene di approvvigionamento e a trovare modi per conformarsi alle nuove regole.

 

È fondamentale che l’UE e le organizzazioni internazionali lavorino a stretto contatto con i paesi produttori per fornire il supporto necessario ai piccoli agricoltori. Questo potrebbe includere programmi di formazione, assistenza tecnica e finanziaria per aiutare i produttori a navigare nei complessi requisiti dell’EUDR. Senza questo tipo di interventi, le nuove normative rischiano di avere conseguenze indesiderate e di aggravare le disuguaglianze esistenti nel commercio globale.

 

bacche caffè
Coffee fruits on a plant | Photo credit: SANTIASIH’s Art

 

L’EUDR sta causando significativi sconvolgimenti nel commercio globale, in particolare per gli agricoltori e i produttori dei paesi in via di sviluppo. Mentre le normative mirano ad affrontare la deforestazione, stanno anche sollevando preoccupazioni sull’impatto economico e sulla fattibilità della conformità. Mentre il mondo si confronta con queste sfide, è chiaro che trovare un equilibrio tra protezione ambientale e sostenibilità economica sarà cruciale per il futuro del commercio globale. Solo attraverso la collaborazione, il supporto mirato e un’attenta considerazione delle conseguenze indesiderate possiamo sperare di raggiungere gli obiettivi di sostenibilità senza lasciare indietro le comunità vulnerabili.

 

Le sfide sono tante e stare a guardare non è a mio parere una buona strategia. Come imprenditori e amanti del caffè, abbiamo il potere e la responsabilità di plasmare il nostro futuro. Il primo passo è mantenersi curiosi, attenti e connessi ma soprattutto mai fermi. Optare per strategie che comprendano l’etica e la responsabilità, la condivisione e la trasparenza possono sembrare poco efficaci ma in realtà, sono ciò che ci salverà.